• chirurgia al naso

  • Otorino acufeni Catania

  • Medico otorinolaringoiatria Catania

PILLOLE DI ESPERIENZA

Tonsillectomia
Settoplastica

Tonsillectomia

Ho eseguito le mie prime tonsillectomia in Clinica Otorino, quando ero alla scuola di specializzazione e poi durante il dottorato di ricerca. Troppo poche in realtà. Quando poi entrai con incarico di dirigente medico all’ospedale di Acireale fu lì che i “fratelli maggiori” Nico Castorina e Pippo Fichera mi misero il bisturi in mano e con grande attenzione mi resero autonomo per questo intervento. Furono pochi, felici, mesi. E sarò sempre grato ai colleghi per avermi sostenuto, con generosità, sostegno e amicizia insieme. Grazie anche al caro Dottore Michele Manciagli, ormai scomparso, Primario di allora, che saggiamente ci dirigeva.

Settoplastica

La scuola è quella del Professore Giorgio Sulsenti, di origine modicana, padre della rinologia moderna in Italia. La sua scuola aveva sede a Castel Pietro Terme, esattamente al confine fra l’Emilia e la Romagna. Fu lì che, ancora specializzando, andavo a frequentare corsi e reparto per apprendere questa tecnica chirurgica così basilare per il chirurgo otorino, ma anche così difficile. In quei mesi, spesso trascorsi insieme al collega e amico Massimo De Natale, trovai un ambiente stimolante e nel contempo amicale. Li conobbi quelli che considero ancora i miei maestri, e che rimangono ancora i miei principali punti di riferimento.

Oltre al grande Professore Sulsenti, ormai scomparso, i miei “fratelli” Tano Libra, Ignazio Tasca e Guglielmo Arrabito, insieme alle relative famiglie, mi facevano sentire a casa. Non smetterò mai di ringraziarli per i loro insegnamenti ma soprattutto per la loro sincera amicizia.

La filosofia di Cottle praticata da Sulsenti fu una moderna concezione dell’approccio chirurgico alle fosse nasali per il ripristino di una fisiologica e ottimale capacità respiratoria. Il rispetto delle strutture, l’importanza dei dettagli chirurgici, la particolare attenzione per la porzione anteriore con la tecnica di rimozione-riposizione fanno di questo approccio la migliore soluzione alle fosse nasali, che mi sforzo sempre di mettere in pratica. Con mia grande soddisfazione.

La mia maggiore esperienza in questa chirurgia ho avuto modo di farmela all’Ospedale di Giarre. Furono tre anni molto intensi dove, con la guida di un Primario così disponibile e generoso come Giovanni Gentile e con la collaborazione di Tuccio Galletta, collega molto esperto nella chirurgia funzionale ed estetica del naso - nonchè mio grande amico – trovai terreno fertile per coltivare questa chirurgia ed ottenerne un sicuro controllo, che mi fa essere oggi sicuro di un grande vantaggio respiratorio per il paziente che vi si sottopone.

Vertigini e Acufeni

Dopo la scuola di specializzaizone in Otorinolaringoiatria vinsi il concorso per frequentare il dottorato di ricerca in una disciplina audiologica che mi portò a dedicarmi alla audio-vestibologia e che oggi mi fa essere uno dei punti di riferimento per la vestibologia, nel mio territorio. Il mio maestro fu Pino de Fino, allora responsabile del servizio. Grazie a lui ho appreso le prime manovre di riabilitazione, ma anche la precisione e l’attenzione che è necessario nel settore audiologico.

Dove andai a lavorare successivamente come dirigente medico, cioè l’ospedale di Acireale e quello di Giarre, trovai “campo libero” nel settore audio-vestibolare, dove fui costretto a far funzionare dei servizi che avevano avuto, fino a quel momento, scarsa attenzione. Fu in quegli anni inoltre che frequentai tutti i Corsi di Amplifon a Milano e mi specializzai nel trattamento delle vertigini e degli acufeni. Significativa fu inoltre l’esperienza avuta al Careggi di Firenze dove ho avuto modo di vedere al lavoro i Padri Vestibologi Pagnini, Vannucchi, Giannoni. Oggi sono diventato il riferimento della vestibologia all’ospedale Cannizzaro e mi tengo aggiornato nei frequenti convegni (formativi e goliardici) organizzati del maestro Giudetti e dal raffinato vestibologo ed amico Aldo Messina.

Chirurgia endoscopica dei seni paranasali (FESS)

La patologia polipoide etmoido-nasale è molto frequente nella popolazione ed il trattamento medico spesso è insufficiente al controllo della crescita delle formazioni polipose. Così molto frequentemente, pazienti con ostruzione nasale o addirittura sinusite cronica, devono ricorrere alla chirurgia. Negli ultimi 20 anni il trattamento chirurgico endoscopico ha quasi del tutto sostituito la chirurgia tradizionale più demolitiva e meno raffinata.

Oggi, attraverso delle ottiche rigide con visione su diverse angolazioni, è possibile dominare interamente le fosse nasali, ma anche affrontare i seni paranasali tutti, con maggiore controllo e radicalità, ottenendo la rimozione degli elementi di ostacolo alla ventilazione delle cavità del massiccio facciale (FESS= Functional Endoscopic Sinus Surgery). Il mio maestro è Alberto Dragonetti che seguo nei suoi corsi pratici e nell’apprendimento in sala operatoria (inizialmente all’Ospedale S.Giuseppe, oggi al Niguarda di Milano).

Chi come me pratica questa chirurgia impiega poco tempo ad amarla ed ottiene presto grandi soddisfazioni. Oggi inoltre, con i sistemi di monitoraggio intraoperatorio che la tecnologia ci mette a disposizione, la nostra chirurgia è ancora più sicura e precisa anche quando siamo costretti ad intervenire su distretti già operati e quindi con punti di repere alterati.

Share by: